Archivi

Categorie

Tag

laghi di Plitvice

Laghi di Plitvice

Condividi questo articolo!

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email

Il Parco Nazionale dei Laghi di Plitvice in Croazia si trova a metà strada tra Zara e Zagabria e ogni anno milioni di persone giungono qui da ogni parte del mondo per visitare questa meraviglia.

Le acque limpide e azzurre dei 16 laghi terrazzati, 12 superiori e 4 inferiori, sono alimentate dai fiumi Bijela Rijeka (il fiume bianco) e Crna Rijeka (il fiume Nero), collegati tra loro da una fitta rete di canali, cascate e sorgenti sotterranee.

Uno spettacolo della natura, una area protetta divenuta patrimonio dell’Unesco nel 1979.

Il parco appartiene all’area carsica dinarica e si divide in due parti: una superiore tra folte foreste e bellissime cascate e una inferiore con una vegetazione più bassa, specchi d’acqua e laghi più piccoli.

Diversi sentieri e passerelle in legno che corrono sull’acqua, permettono di esplorare il parco con escursioni di diversa lunghezza e durata.

Quando andare

Il parco è aperto tutto l’anno e tutte le stagioni regalano panorami indimenticabili, ma il periodo migliore è in primavera, tra Maggio e Giugno, quando i laghi sono carichi di acqua e gli alberi in fiore.

Nel periodo estivo, l’afflusso di gente è maggiore e l’atmosfera risulta meno rilassante. In autunno si può osservare il parco con colori diversi e sicuramente suggestivi. In inverno c’è meno turismo e si può ammirare lo spettacolo dei laghi ghiacciati con la neve ed una quiete incredibile.

Per organizzare visite fuori stagione è bene sapere che alcune parti del parco sono chiuse ed è meglio informarsi sugli orari di apertura.

Come arrivare

In automobile

Bisogna percorrere l’autostrada A1 (Zagabria – Spalato) e seguire le uscite per i laghi.

Da Zara o Spalato: prendere l’uscita 13 a Gornja Ploča e percorrere i restanti 50km sino al parco.

Da Zagabria: uscita 3 direzione Karlovac e Duga Resa e percorrere i restanti 80km

In autobus

Tutto l’anno sono disponibili autobus che arrivano al parco dalle stazioni di Zagabria, Spalato e Plitvice Zara.

Le partenze in inverno sono limitate e meno frequenti.

Entrate

Esistono tre entrate ufficiali al parco: la prima è quella di Rastovača, la seconda è Hladovina e infine quella di Flora.

L’entrate più utilizzate sono la prima e la seconda, grazie al facile accesso e alla vicinanza delle aeree di parcheggio.

Costi e biglietti

Per accedere ai Laghi di Plitvice si paga un biglietto di ingresso che comprende anche i trasporti elettrici: battelli e trenini.

I biglietti si possono acquistare online sul sito web officiale: Plitvička jezera

Al momento dell’acquisto online, è necessario selezionare data, fascia oraria di arrivo, ingresso e indicare il nominativo del titolare del biglietto.

Una volta pagato il biglietto, vi arriverà un voucher (valido solo per il giorno, l’ora e l’entrata indicati) alla email utilizzata per il login, che deve essere stampato e consegnato all’ingresso del parco.

Il biglietto può essere ritirato 30 minuti prima dell’ora indicata sul voucher e fino a 1 ora dopo essa. 

L’acquisto del biglietto direttamente al parco dipende dal numero di posti liberi in quel momento. Si consiglia di acquistare i biglietti in anticipo online.

I biglietti sono completamente rimborsabili solo se cancellati o modificati fino a 48 ore prima della visita programmata.

È possibile prenotare un servizio guida turistica ed è disponibile in diverse lingue.

Sentieri

All’ingresso del parco è possibile acquistare la mappa dei laghi e decidere su quale percorso incamminarsi.

Per visitare il parco occorre prevedere circa 6-8 ore di cammino, oppure ci si può muovere anche a bordo di battelli e trenini panoramici elettrici.

I sentieri segnalati e percorribili sono 8 e ad ogni ingresso vi è una mappa descrittiva e informativa.

Se si ha tempo a sufficienza è possibile visitare sia i laghi superiori che quelli inferiori se invece il tempo è limitato o non si ha voglia di camminare tutto il giorno, il miglior percorso è sicuramente la parte inferiore dei laghi.

Regole e consigli

Divieti:

È vietato tuffarsi e fare il bagno all’interno del parco; allontanarsi dai sentieri senza segnaletica; andare in bicicletta; campeggiare e pescare.

È permesso portare cibo e bevande, anche se all’interno vi sono fast-food e ristoranti.

È bene muoversi indossando scarpe da trekking o impermeabili specie in autunno/inverno quando i sentieri si presentano più scivolosi. 

Portare una buona protezione solare se si scegli il periodo estivo e una protezione per le zanzare, un K-way in caso le previsioni mettano acqua e la macchina fotografica.

Pernottare

Si può considerare l’idea di fermarsi a dormire nelle vicinanze del parco o al suo all’interno in hotel gestiti dalla direzione.

Ovviamente all’interno i prezzi saranno maggiori. Nelle vicinanze si trovano appartamenti, b&b, campeggi e anche bungalow abbastanza economici.

Ti potrebbe interessare anche: Lombardia: dove fare il bagno

Andata e ritorno logo

Ciao! Siamo Rubens e Serena di Andata e Ritorno.

Sei appassionato di viaggi? Scrivi e racconta la tua storia…

Inviala a: andataeritornoblog@gmail.com

Lascia un commento